Italiano

Teatro de la Zarzuela, ''La Generala''

Madrid

Con questa collaborazione, Emilio Sagi e Daniel Bianco proseguono quella eccellente del Teatro Real di Madrid, dove, per cinque anni, al regista e allo scenografo sono state affidate, rispettivamente, la direzione artistica e quella degli allestimenti scenici.La giostra, intorno a cui si articolano la scenografia e l'azione del secondo atto, è dotata di fondali verticali di BGO - Tulle Gobelin bianco su cui è stato dipinto un paesaggio fluviale esotico.Il tulle viene, naturalmente, utilizzato per realizzare dei giochi di trasparenza, grazie ai quali i motivi del paesaggio dipinto si sovrappongono a quanto accade sulla giostra.La Quadratura utilizzata dall'allestimento è stata confezionata in FBR - Velluto Bruxelles nero.
Vedi tutte
Uno dei fondali verticali di BGO - Tulle Gobelin bianco su cui è stato dipinto un paesaggio fluviale esotico.La Generala è il risultato più evidente dell'influenza che, agli inizi del Novecento, i modelli dell'operetta viennese esercitarono sulla tradizione spagnola della musica lirica leggera, fino a quegli anni esclusivo appannaggio della zarzuela, considerata il genere lirico nazionale per eccellenza.La sequenza fotografica illustra la realizzazione della giostra utilizzata nel secondo atto.
In evidenza i dispositivi a rullo utilizzati per far salire e scendere i fondali in BGO - Tulle Gobelin su cui è stato dipinto il paesaggio fluviale.Una delle conseguenze più appariscenti del confluire dell'operetta austriaca nella zarzuela fu il cambiamento delle ambientazioni, che da regionali divennero più o meno esotiche.«Il libretto di Guillermo Perrín e Manuel de Palacios, non molto dissimile da quello de La vedova allegra, narra di un monarca immaginario, ormai spodestato dal suo trono di Molavia (n.d.r.: un paese immaginario) e rifugiato in Inghilterra - Sagi lo fa comparire nel preludio adagiato su di una poltrona, carezzando una corona enorme e sonnecchiando con la marcia reale che suona su di un vecchio grammofono.»Marcelo Cervelló-Eroles, L'opera, n. 225, pag. 54.
L'intreccio de La Generala, che segue i tortuosi tentativi di combinare un matrimonio di convenienza per il figlio del re di Molavia, comprese le trame dell'intraprendente moglie di un generale, non si presta ad una realizzazione verosimigliante.«Con questo materiale, certamente pericoloso se si vuol renderlo credibile, Emilio Sagi punta sulla carta del gioco brillante e lo fa con quella ''scenica scienza'' a lui tanto consona. Ritmo incalzante, con gustose chiose sull'intervento dei servitori negli affari reali nel primo atto e azione movimentata su una monumentale giostra, nel secondo. [ ... ] Una messinscena perfettamente adatta ad aggiornare la vicenda pur senza tradirne il senso originale.»Marcelo Cervelló-Eroles, ibidem.
Un secondo paesaggio fluviale, dipinto questa volta su di un fondale in ASL300S - Tela Sceno Leggera largh. 300 cm - Ignifugo, è qui steso a terra in laboratorio durante la lavorazione.
La copertura della giostra è costituita da un fondale sagomato a spicchi realizzato con il tessuto ARI - Reps Ignitex 340, colore 116 blu e successivamente dipinto.
Altri fondali realizzati in ASC - Tela Sceno, colore naturale, sono stati dipinti con i drappeggi e le decorazioni di un sipario.
Il sipario trompe-l'oeil dipinto sui fondali di ASC - Tela Sceno è qui installato sulla giostra.
Operetta in due atti
Musica
Amadeo Vives (1871-1932)
Libretto
Guillermo Perrín y Vico
Manuel de Palacios
Prima
Madrid, Gran Teatro de Madrid, 14/6/1912

Scenografia
Daniel Bianco
Costumi
Jesùs Ruiz
Light design
Eduardo Bravo
Coreografia
Nuria Castejón

Allestimento
Stagione
2008

Vedi anche...

ARI - Reps Ignitex 340

Tele

ASC - Tela Sceno

Tele

BGO - Tulle Gobelin stampa digitale

Stampe su tessuto

FBR - Bruxelles

Velluti

Quadrature

Fondali acustici

UMI - Rete Mimetica

Reti per scenotecnica