Catalogo
Italiano

Robert Wilson

 

Dal percorso formativo di Robert Wilson si potrebbe trarre la trama di una pièce teatrale fiabesca ed esemplare: la parabola di un giovane che grazie al teatro supera le proprie paure e tensioni e diventa padrone, oltre che di se stesso, di un mestiere di cui è oggi riconosciuto maestro. Düsseldorfer Schauspielhaus, ''Der Sandmann'', 2017 Quinte in ASC - Sceno dipinta fissata su USC - Nylonet nera.Fondale retroilluminato in RNV - Nevada.
Vedi tutte
Con l'aiuto e gli insegnamenti di una maestra di danza guarisce da un piccolo handycap (fino a diciassette anni è affetto da balbuzie).Utilizzerà questa esperienza con i bambini disabili e nei laboratori di teatro per l'infanzia. Düsseldorfer Schauspielhaus, ''Der Sandmann'', 2017 Sipario alla greca in EVA - Aurora 97. holo grey con Confezione con ricchezza verticale al 100%.
Il gioco del teatro che diventa il teatro stesso.Robert Wilson inizia ad occuparsene da bambino nel garage di casa, dove ha come compagna di giochi la nonna materna, che lo affiancherà anche da adulto in diverse performances teatrali professionali, facendo parte, inizialmente, della sua stessa avventura. Teatro Real, ''O corvo branco'', 1998 Schermo per retroproiezioni realizzato con il film RTE - Temporale.
Abbandona gli studi di economia a cui viene avviato dalla famiglia per dedicarsi alle arti figurative, verso le quali si sente più interessato e, per studiare architettura, nel 1962 si trasferisce a New York dove incontra Martha Graham, la ''madre'' della danza moderna, con cui collabora ed esegue le prime esperienze scenografiche importanti. Teatro Municipal, ''Macbeth'', 2013 Fondale retroilluminato RNV - Nevada 17 x 9 m.Fondale BOP - Opera grigio 17 x 9 m (cyclorama gauze).Quadratura composta da 24 parti realizzate in FOT - Otello con Confezione tesa.
Gli Anni '60 di Wilson sono frenetici, la sua ricerca interiore lo porta a compiere tentativi in una molteplicità di direzioni: studia pittura a Parigi, gira un cortometraggio, poi un film rimasto incompiuto.Si unisce alla comunità di Arcosanti, fondata in Arizona dall'architetto utopista torinese Paolo Soleri, è costretto a curarsi una forte crisi esistenziale in una clinica per malattie mentali, crea un laboratorio teatrale le cui rappresentazioni si svolgono sui tetti degli edifici: il Byrd Hoffmann School (Mrs. ''Byrd'' Hoffman era l'insegnante di danza che lo aveva guarito dalla balbuzie... ). Teatro Municipal, ''Macbeth'', 2013
Nel 1969 Robert Wilson mette in scena quello che considera il suo primo spettacolo: The King of Spain, il cui neo-dadaismo riscuote un successo insperato. Nell'azione non accade sostanzialmente niente, ma le tre sorprendenti e contraddittorie ambientazioni (una spiaggia, un salotto vittoriano e una caverna), popolate da un ricchissimo collage di oggetti, persone, luci e forme apparentemente casuali, aprono la strada a molteplici e potenti possibilità di lettura. Teatro Municipal, ''Macbeth'', 2013
Nel 1971 esplode in Europa il caso Wilson, che diventa improvvisamente un regista di culto.Deafman Glance, opera del silenzio in cui le scene si susseguono davanti agli occhi di un sordomuto, conquista il pubblico con la lentezza dilatata ed estenuante del fluire delle immagini, costringendolo a calarsi in una dimensione visiva e temporale di profondo impatto. Teatro alla Scala, ''Il ritorno di Ulisse in patria'', 2011 Fondale in ASC1220S - Sceno largh. 1.200 cm - Ignifugo dipinto da Paolino Libralato, 22 x 12 m.
Nel 1974 presenta al Festival dei Due Mondi di Spoleto A Letter of Queen Victoria, i cui contenuti musicali fanno da transizione al successivo e celebre Einstein on the Beach, che Wilson presenta al Festival di Avignone del 1976.La musica di Philip Glass diventa qui inscindibile dall'azione scenica e si svolge con una partitura ossessiva oggetto di contestazioni. Teatro Paulo Autran, ''Garrincha'', 2016 Sipario alla greca in BSU - Super Gobelin 03. grigio dipinto con Sistema a binario TRX10 ad apertura manuale.
Regista, scenografo e attore, Robert Wilson (Waco, Texas, 1941) è un autore a tutto campo la cui opera, dalla fine degli Anni '60, ha percorso e a tratti guidato l'avanguardia teatrale.
Wilson non affronta le contraddizioni del nostro tempo in modo diretto, attraverso una narrazione convenzionale.
Per farle affiorare scompone la contemporaneità in mille caleidoscopiche sfaccettature attraverso una ricerca formale che utilizza, ad esempio, la precisione della gestualità degli attori e la ricercatezza delle luci.
Ne risulta un teatro che non racconta secondo i canoni tradizionali, ma costruisce una struttura di rimandi visivi e uditivi che agiscono sull'interiorità dello spettatore.
Le scenografie di Wilson sono spesso minimali, sempre avverse al naturalismo e finalizzate alla creazione di un teatro che non mira a dare risposte ma, piuttosto, a porre domande attraverso le immagini, come Beckett ha fatto con le parole.

Vedi anche...

Düsseldorfer Schauspielhaus, ''Der Sandmann''

Teatro di prosa

Festival dei Due Mondi, ''Letter to a Man''

Teatro di prosa

Teatro alla Scala, ''Il ritorno di Ulisse in patria''

Opera lirica

Teatro delle Nazioni, ''Pushkin's Fairy Tales''

Teatro di prosa

Teatro Municipal, ''Macbeth''

Opera lirica

Teatro Real, ''O corvo branco''

Opera lirica