Italiano

Teatro Donizetti, ''L'ange de Nisida''

Bergamo

Bozzetto di Angelo Sala per una scena de L'ange de Nisida.Donizetti completò la partitura dell'opera nel 1839, ma questa non venne mai presentata al pubblico a causa del fallimento dei committenti e se ne persero le tracce.
Vedi tutte
Il manoscritto è stato ritrovato quasi due secoli dopo alla Bibliothèque nationale de France dalla musicologa Candida Mantica e l'opera è stata messa in scena per la prima volta alla Royal Opera House di Londra nel 2018.L'allestimento di Francesco Micheli e Angelo Sala ha colto l'occasione dei lavori di ristrutturazione del Teatro Gaetano Donizetti per ribaltare la classica disposizione del teatro all'italiana, in cui lo spazio tradizionalmente riservato alla rappresentazione è il palcoscenico.
Approfittando dell'assenza delle poltrone, la platea è stata utilizzata per lo svolgimento dell'azione, mentre il pubblico che avrebbe dovuto occuparla è stato dislocato su di una tribuna allestita sul palcoscenico.Di fronte alla tribuna, il busto di Donizetti assiste simbolicamente alla prima rappresentazione italiana dell'opera, messa in scena dal teatro della sua città natale che dal 2014 opera grazie alla Fondazione Teatro Donizetti.
La superficie del TST - Silviastar con cui è stata rivestita la platea è stata trattata per ridurne l'effetto specchiante.I riflessi delle luci, infatti, avrebbero potuto risultare fastidiosi per il pubblico che circondava il perimetro dello spazio scenico osservandolo dall'alto,
I costumi di Margherita Baldoni sono realizzati in carta, una scelta in cui si potrebbe leggere un riferimento alla fragilità e temporaneità delle realizzazioni umane più effimere.
L'illuminazione di Alessandro Andreoli ha utilizzato il TST - Silviastar come superficie riflettente.
L'ambientazione, già di estrema originalità, è risultata anche enormemente suggestiva per l'amplificazione dello spazio prodotta, oltre che dall'effetto riflettente del TST - Silviastar, anche dal trompe-l'œil neoclassico che decora il soffitto della sala.
Due Fondali retroilluminati sagomati, realizzati con il film RAR - Arizona, sono stati utilizzati per rappresentare simbolicamente il mare che circonda l'isola di Nisida.
Opera semiseria in quattro atti
Musica
Gaetano Donizetti (1797-1848)
Prima
Londra, Royal Opera House, 18/7/2018

Scenografia
Angelo Sala
Costumi
Margherita Baldoni
Light design
Alessandro Andreoli

Allestimento

Vedi anche...

Fondali retroilluminati

Fondali vinilici: tipologie

RAR - Arizona

Film per retroproiezioni

TST - Silviastar

Tappeti per danza