Italiano

Teatro Carlo Felice, ''L'elisir d'amore''

Genova

Un'interpretazione scenografica completamente fuori dai canoni del melodramma giocoso in due atti di Donizetti, che lo distoglie dallo stereotipo agreste da arcadia lombarda e lo trasporta in un mondo di sogno di cui è immediatamente riconoscibile l'autore, il grande illustratore e scenografo Emanuele Luzzati, che ha composto questa scenografia con vari fondali dipinti in ASC260S - Tela Sceno largh. 260 cm - Ignifugo e ASC600S - Tela Sceno largh. 600 cm - Ignifugo.Nell'immagine, soffitti e quinte armate in ASC260S - Tela Sceno largh. 260 cm - Ignifugo su cui sono riprodotte le architetture di un edificio agreste lasciano affacciare la scena su di un bosco di alberi anch'essi dipinti che spiccano sul controluce di un grande fondale in ASC600S - Tela Sceno largh. 600 cm - Ignifugo
Vedi tutte
Un fondale in BGO - Tulle Gobelin su cui è stato dipinto uno giardino che viene fatto comparire alle spalle dei personaggi grazie all'uso dell'illuminazione.
Un fondale in BGO - Tulle Gobelin su cui è stato dipinto uno giardino che viene fatto comparire alle spalle dei personaggi grazie all'uso dell'illuminazione.
Dulcamara inizia il suo show.Una luce rossa da tramonto illumina il grande fondale in ASC1000S - Tela Sceno largh. 1.000 cm - Ignifugo dipinta.
Nella scena convivono soldatini di latta, fondali con sfondi onirici, giardini lussureggianti e riferimenti intellettuali, in un amalgama ben sorretto dalla regia di Filippo Crivelli e ben completato dai costumi di Santuzza Calì.
L'allestimento è stato realizzato nel 1994 ma viene regolarmente ripresentato, sempre con grande successo.
L'annuncio dell'arrivo di Dulcamara.Inconfondibile, anche in questa immagine, la caratterizzazione che Luzzati infonde ad ogni dettaglio della scenografia.
Dulcamara non entra in scena con il solito carretto, ma sbuca da un armadio magico che si materializza improvvisamente tra gli abitanti del paese di campagna, ed è più uno stregone che l'imbonitore da cortile a cui si è abituati.
Melodramma giocoso in due atti
Musica
Gaetano Donizetti (1797-1848)
Libretto
Felice Romani
da Le philtre di Eugène Scribe
Prima
Milano, Teatro della Cannobiana, 12/5/1832

Scenografia
Realizzazioni pittoriche
Props and Decors
Direzione tecnica
Gian Franco Padovani
Regia
Filippo Crivelli

Allestimento
Stagione
2003 / 2004, ripresa dell'allestimento della stagione 1993 / 1994

Vedi anche...

ASC - Tela Sceno

Tele

BGO - Tulle Gobelin

Tulle

Emanuele Luzzati

Alcuni Maestri